Archivia Giugno 2019

Galleria San Pietro: il noto negozio di oggetti religiosi ha aperto uno shop su Internet

Galleria San Pietro è un noto negozio di oggetti religiosi a Roma, e da oggi ti consente di acquistare questi articoli anche su Internet

Hai intenzione di acquistare articoli religiosi battesimo, crocifissi in legno o altri oggetti religiosi di qualità e artigianali? Allora non ti resta altro da fare che sederti in poltrona, accendere il laptop e navigare l’e-commerce di Galleria San Pietro. Questo noto negozio romano, con sede in Largo del Colonnato 5, ha infatti deciso di aprirsi alla modernità e alle logiche del digital. Come? Inaugurando uno shop online di pregevole fattura, e dando la possibilità ai propri clienti di comprare qualsiasi articolo religioso su Internet. Si parla di una decisione che farà piacere a molti fedeli, ma anche ai tanti appassionati di arte sacra in tutta Italia. Questo perché il web abbatte ogni distanza fisica e temporale, consentendo a chiunque di comprare questi prodotti con un semplice click del mouse.

L’arte sacra in vendita online

Servirebbe un romanzo per elencare tutti gli oggetti religiosi in vendita sulle bacheche digitali di Galleria San Pietro. Di contro, è comunque possibile scoprire una sintesi di ciò che potrai acquistare visitando lo shop online di questo famoso negozio capitolino. Una menzione speciale la meritano i crocifissi in legno, in vetro e in pietra esposti da Galleria San Pietro: ovvero uno dei principali vanti del negozio in questione. Il legno, poi, è un materiale particolarmente adatto per quei fedeli che amano la sobrietà e l’eleganza, anche alla luce della produzione artigianale. Per chi invece ricerca un crocifisso più particolare, anche se ugualmente artistico, ecco l’opzione in vetro di Murano. Si tratta di un articolo religioso che può dimostrarsi un regalo perfetto da fare ad un amico o ad un familiare.

Oltre ai crocifissi, lo shop telematico di Galleria San Pietro propone tantissimi altri prodotti, come ad esempio gli articoli religiosi battesimo, cresima e comunione, insieme a quelli per le coppie che vogliono sposarsi. E la lista non termina certamente qui, perché in questo negozio elettronico troviamo anche altri articoli molto importanti, come gli ostensori e i calici, ovvero due degli oggetti liturgici più ricercati. Naturalmente non potremmo non citare anche le catene religiose e gli affascinanti set di medaglie e croci proposti da Galleria San Pietro. Si chiude l’elenco con i quadri sacri e i mosaici, anche loro grandi protagonisti di questo negozio di oggetti religiosi a Roma.

Perché scegliere Galleria San Pietro

In primo luogo perché si parla di una vera e propria istituzione a Roma, nel campo degli oggetti di arte sacra. I motivi per scegliere Galleria San Pietro, per acquistare uno di questi articoli o un souvenir, sono numerosi. Anche per via del fatto che è molto difficile trovare un negozio in grado di assicurare al cliente una tale qualità, il tutto ad un costo conveniente. In conclusione, se desideri comprare un regalo di arte sacra per qualcuno o per te stesso, ti consigliamo di visitare l’e-shop di Galleria San Pietro.

Cosa fare in caso di morte in famiglia?

Quando si verifica la morte

Se la morte è imprevista, chiamare il 112. I carabinieri prenderanno misure appropriate a seconda della situazione. Nel caso di morte sospetta, il medico legale probabilmente ordinerà l'autopsia. Un membro della famiglia deve chiamare un agenzia di onoranze funebri il più presto possibile.

Il personale dell’agenzia funebre conosce lo stress che stai passando e farà in modo di rendere il processo più semplice e il più agevole possibile. Vi farà solo alcune domande specifiche, come ad esempio il nome e la posizione del familiare scomparso, il nome del medico curante e il nome del parente più prossimo. Chiederà il tipo di servizio con il quale si desidera onorare la persona amata e celebrare la sua morte. Tuttavia, se non si conoscono il tipo di servizi offerti, non c'è bisogno di prendere questa decisione subito. Sarà fissato un appuntamento più tardi per parlare comodamente insieme a un membro del personale e decidere le disposizioni finali.

Un consiglio: pensate alla persona amata e al modo in cui vorrebbe che si ricordasse la sua persona.

Trasporto

Il trasporto del defunto al funerale dovrebbe essere organizzato solo dopo che medico abbia firmato un certificato di morte. Se il medico legale stabilisce che venga eseguita l'autopsia, il trasporto sarà organizzato al termine della stessa, una volta che il medico legale rilascerà legalmente il corpo.

Dalla casa di cura

Quando si verifica una morte in un ospedale o casa di cura, è sufficiente chiamare l’agenzia funebre. Il personale medico presso l'impianto sanitario farà in modo che tutti i requisiti di legge siano soddisfatti. Solo in alcune strutture sanitarie viene contattata automaticamente la camera ardente, a nome della famiglia, ma nella maggior parte dei casi non avviene questo.

Da casa

Se il defunto aveva una malattia terminale ed è morto a casa, l'infermiere o il medico rilascerà un certificato per trasportare il defunto al funerale. In questo caso è utile pensare in anticipo a come agire prima della morte del familiare. In questo modo si riduce il numero di decisioni che si dovranno prendere al momento della morte e aiutare a prevenire eventi spiacevoli e troppo opprimenti da affrontare in un momento così triste. Potete chiamare l’agenzia funebre anticipatamente oppure è possibile avviare il processo compilando i moduli online di preventivo o richieste informazioni.

Monumenti

Generalmente esistono 3 tipi di memorie scritte:

  1. Il primo è l'avviso di morte, ovvero un breve annuncio con i dettagli di base circa il defunto: chi, quando e dove. Si tratta di informazioni per gli altri, su dove e quando si terranno i funerali o il servizio funebre. Si tratta di un bando generale di morte che può essere collocato in un giornale locale o negli appositi spazi cittadini per le affissioni.
  2. Il secondo è il necrologio. Il necrologio contiene le informazioni sulla morte, ma fa un passo ulteriore riassumendo la vita della persona. Quando si scrive un necrologio, è importante pensare a ciò che ha reso la persona amata, speciale. Pensate alle organizzazione di cui faceva parte, gli hobby, l’occupazione lavorativa e i premi conseguiti. Siate sicuri di avere informazioni precise sui primi anni di vita, la famiglia e il nome e città di origine dei membri della famiglia.
  3. Infine, vi è il tributo, che si potrebbe trovare online in una sezione ricordo o tributo. Questo è il luogo in cui raccontare un aneddoto divertente o un caro ricordo per il defunto. E' qualcosa che verrà letto da altre persone, in modo da scrivere qualcosa di appropriato e qualcosa che sarà apprezzato da tutta la famiglia.

Notifiche

Il datore di lavoro, la banca, la compagnia di assicurazioni del deceduto e l'avvocato devono essere avvertiti. Documenti importanti devono essere raccolti, come pure le risorse digitali, come account di social media (devono essere disattivati).

Dopo il funerale

Inviare note di ringraziamento a coloro che hanno offerto le condoglianze o aiutato nel momento del bisogno. Soprattutto, ricordate che il funerale è davvero la fine. Continuare a celebrare il vostro amato e a ricordare ciò che ha reso lui o lei speciale per molti, molti anni a venire.

Farine Roma, le migliori farine per pizzerie e pasticcerie

Farine Roma offre le migliori farine per pizzerie, pasticcerie e non solo. Se anche tu hai un’attività di questo tipo, ti conviene scoprire perché scegliere questo marchio

Ogni attività legata al settore della ristorazione dovrebbe conoscere la prima regola per il successo: rivolgersi a dei fornitori di materie prime affidabili, certificati e di qualità. Da questo punto di vista, Farine Roma si propone come uno dei marchi più prestigiosi, perché consente di accedere soltanto alle farine prodotte dai migliori grani europei ed italiani. Di conseguenza, se il tuo obiettivo è fornire un servizio di qualità, allora ti conviene scegliere proprio questo brand produttore.

Le migliori farine a Roma e non solo

Farine Roma, come detto, propone soltanto una gamma delle migliori farine a Roma e non solo. Il tutto per via dell’accuratezza del proprio processo di selezione dei grani, che punta esclusivamente sulla genuinità e sulla qualità delle materie prime. Inoltre, come ingredienti speciali, troviamo anche la passione e l’esperienza di un marchio da anni impiegato in questo settore. Non si tratta di banalità ma di elementi chiave, soprattutto per chi – come te – si trova nella delicata situazione di dover scegliere soltanto farine di pregio.

L’importanza della farina per la pizza

Molto spesso siamo portati a pensare che la farina sia tutta uguale, ma chi lavora nel campo della ristorazione sa benissimo che non è così. Soprattutto se si parla della pizza e della sua preparazione. A tal proposito, le farine proposte da Farine Roma spiccano per via della presenza di tutte le caratteristiche basiche per la preparazione di un’ottima pizza: si parla dell’elasticità, dell’estensibilità e della tenacità.

Senza di esse, la pizza non potrebbe mai unire la morbidezza dell’impasto al suo gusto croccante, in un perfetto mix fatto di equilibrio. Inoltre, se la farina non è elastica al punto giusto, preparare un prodotto di qualità diventerà pressoché impossibile. Grazie a Farine Roma, è possibile ottenere una farina capace di assorbire l’acqua in fase di impasto, e al tempo stesso in grado di mantenere al suo interno l’anidride carbonica (per la lievitazione).

L’importanza della farina per i dolci

Non solo pizzerie, ma anche pasticcerie: la selezione della farina, difatti, appare fondamentale anche per chi ha scelto di specializzarsi nella preparazione dei dolci. In tal caso conta molto il valore proteico del prodotto, che dovrà essere elevato sia per la panificazione, sia per la pasticceria lievitata. In questo senso, si consiglia di usare sempre delle farine ricche di glutine, mentre per prodotti come le paste frolle, è meglio optare per una farina dal basso valore proteico. Con o senza glutine, poco importa, perché Farine Roma propone un’ampia gamma di prodotti, adatti per ogni esigenza.

Conclusioni

Non importa se hai una pizzeria, una pasticceria o un ristorante, così come non conta se sei un professionista del settore o un appassionato di cucina casalinga. L’unica vera regola è saper scegliere una farina di assoluta qualità: una missione possibile rivolgendosi solamente ad aziende come Farine Roma, il top dell’eccellenza.

La scoperta dell’America

C’è una data che aleggia nella mente di tutti. Che tutti conosciamo, che tutti ricordiamo esattamente, poiché sin dalle prime scuole ce l’hanno ripetuta all’infinito ed inculcato nella memoria. Può capitare anche a qualcuno di ricordare questa data come qualcosa di importante, ma non essere in grado di ricordare a cosa corrisponde. Sto parlando della data del 1492, anno attribuito alla scoperta dell’America da parte della spedizione guidata dal navigatore ed esploratore italiano Cristoforo Colombo. Un’altra cosa che tutti sanno, ignorando a volte di saperlo, è che la spedizione venne portata a termine a bordo delle famosissime caravelle Nina, Pinta e Santa Maria.

Le origini della spedizione

Sin dal 1486, Colombo cercò di convincere i reali di diverse nazioni a finanziare il suo progetto di navigare in terre inesplorate, al fine di completare la scoperta delle terre emerse. Fiero delle sue convinzioni, non si diede mai per vinto e dopo aver rivolto la richiesta a molti, riuscì ad ottenerla dai re di Castiglia ed Aragona, grazie all’intervento decisivo della regina Isabella di Castiglia. Così, il 3 agosto 1492, Cristoforo Colombo con le sue navi ed il suo equipaggio, partì da Palos de la Frontera alla volta di quella che secondo lui erano i territori dell’Asia. Giunse finalmente in quella che oggi è conosciuta come San Salvador il 12 ottobre dello stesso anno. Seguirono poi a questo primo viaggio, altre due spedizioni, in una delle quali era presente Amerigo Vespucci, anche lui navigatore, esploratore, ma anche cartografo italiano. Fu proprio lui a rendersi conto tramite i suoi viaggi e studi, che quella non era l’Asia bensì, come la chiamò nelle sue lettere, la quarta parte delle Terra: «Arrivai alla terra degli Antipodi, e riconobbi di essere al cospetto della quarta parte della Terra. Scoprii il continente abitato da una moltitudine di popoli e animali, più della nostra Europa, dell'Asia o della stessa Africa».

Come raggiungere oggi le Americhe

Tante sono state le spedizioni, tanti i finanziamenti e tanti gli uomini che presero parte a questa incredibile scoperta. L’America, è di fatto, un continente giovane, il più giovane di tutti gli altri. Gli Americani vanno molto fieri della loro storia, che ovviamente nasce prima della sua scoperta, e non mancano mai di esaltare la loro terra e sottolineare quanto sia un paese nuovo e progressivo. Questo suscita in loro un senso di protezione della loro patria, a volte anche esagerato e malsano. Basti guardare quanto sia complicato poter viaggiare in America se non si è americani: esistono molti visti diversi, creati a seconda di quel che si vuole fare in America, cosa che va ben specificata ad ogni viaggio. Ma gli sforzi degli esploratori, italiani per giunta, devono farci almeno provare ad andare in America per poter apprezzare quei territori ed una cultura così diversa dalla nostra. Fortunatamente, esistono diversi studi legali che possono facilitarci l’impresa grazie ad i loro consigli e le loro conoscenze. Ad esempio, lo studio legale Carlo Castaldi offre consulenza ed aiuto per la creazione della carta verde per gli USA, necessaria per la permanenza negli Stati Uniti. In conclusione: zaino in spalla, carta verde e via per le Americhe, come fossimo dei veri esploratori.

La rimozione del doppio mento con la chirurgia estetica

Il doppio mento è un instetismo assai diffuso, provocato da un eccesso di adipe posto al di sotto della zona della mandibola, più precisamente nella zona anteriore del collo. Questo tipo di imperfezione, seppur sia notevolmente più frequente nelle persone obese o comuque in sovrappeso, può presentarsi anche nelle persone normo-peso.

Le possibilità di correzione del doppio mento sono molteplici, date sia dalla medicina estetica che dalla chirurgia. La scelta di una o dell'altra specializzazione per la rimozione , dovrà tenere conto di una serie di variabili date dal paziente stesso, come l'età, la tipologia di tessuto cutaneo e l'entità dell'accumulo di grasso nella zona di interesse.

Tecniche chirurgiche: liposuzione e lifting

Una volta effettuata una diagnosi morfologica accurata, si potrà effettivamente capire se il paziente ha bisogno di ricorrere alle tecniche chirurgiche. Le figure che opereranno nella rimozione del doppio mento sono il chirurgo maxillo facciale e il chirurgo plastico. La tecnica più valida e utilizzata nella rimozione del grasso adiposo posto sotto la mandibola, è la liposuzione dello stesso. L'intervento, effettuato in anestesia locale con una minima sedazione, consiste nell'aspirare con l'utilizzo di piccole cannule il grasso in eccesso
Uno dei grandi vantaggi di questa tecnica è dato dal fatto che i punti di sutura saranno uno o al massimo due, e che non rimarrà nessuna cicatrice evidente.
La liposuzione è indicata nei pazienti di giovane età, al di sotto dei 35/40 anni, mentre per i pazienti di età più avanzata è consigliabile associare anche il lifting.

Il lifting al mento si rende necessario se la quantità di grasso asportata fosse troppo grande. La pelle difatti, dopo essere stata abituata a essere tesa per molto tempo con l'adipe, trovandosi "svuotata" potrebbe "appendersi". Il lifting con fili di sospensione, atto a tendere la pelle appesa, porterà ad un risultato fresco, piacevole e naturale. Essendo una tecnica mini-invasiva, l'intervento verrà effettuato in anestesia locale.
Si tratta di effettuare una piccola incisione, di pochi millimetri, al margine inferiore/posteriore del lobo di una delle due orecchie e, inserendo l'ago a due punte dove è stato preventivamente agganciato il filo, lo si farà girare intorno alla fascia muscolare di Lorè. Infine ci si posiziona andando a ridefinire correttamente la rotondità del collo.

Qualsiasi tipo di chirurgia estetica deve essere trattato e considerato come un'operazione chirurgica a tutti gli effetti. Rivolgersi ad esempio, ad uno specialista che abbia una comprovata esperienza dimostrabile nel settore, sostenuta da risultati degni di nota, come ad esempio il dottor Enrico Fruttero è di assoluta importanza. Alla pagina https://enricofruttero.it/ sarà possibile consultare le testimonianze degli interventi del dottore che tra l'altro collabora con l'ASL di Asti nonché molteplici studi privati a Torino.

Possibili cause del cattivo odore intimo nell’uomo

Gli uomini possono essere affetti da cattivo odore delle parti intime che, nella maggior parte dei casi, dipende da una scarsa igiene oppure da disturbi genito-urinari; spesso è sufficiente impiegare prodotti specifici o anche deodoranti per risolvere efficacemente questo sgradevole problema.
 

Fattori predisponenti del cattivo odore genitale

Quando il pene non viene deterso adeguatamente, si può formare una sostanza biancastra, di consistenza viscosa ed estremamente maleodorante chiamata smegma, che si accumula a livello del prepuzio.
L'estremità dell'organo sessuale maschile (glande) è ricoperto da questo strato di pelle che si retrae in fase di erezione.
Lo smegma è formato da tutte le secrezioni prostatiche e sebacee (prodotte dalle ghiandole prepuziali), e dall'accumulo di cellule morte epiteliali che tendono normalmente a sfaldarsi.
Tale sostanza, prodotta in condizioni fisiologiche anche dopo intense stimolazioni sessuali, può favorire la proliferazione di microrganismi patogeni, come batteri oppure miceti, quando non viene regolarmente eliminata.
Nei casi in cui, a causa della presenza della fimosi (impossibilità di scoprire il glande a causa di un prepuzio troppo stretto), sia impossibile pulire correttamente il pene, lo smegma si accumula causando cattivo odore intimo.
Quando la presenza di questa secrezione è accompagnata da perdite biancastre, da bruciore o da sindrome pruriginosa, è necessario richiedere un parere medico in quanto potrebbe trattarsi di infezioni da Clamidia oppure da Candida albicans.

 

Cause del cattivo odore genitale nell'uomo

 

Spesso associato a fenomeni di iperidrosi (sudorazione abbondante), il cattivo odore intimo nell'uomo dipende da varie cause, che sono:
– igiene intima scarsaoppure eseguita mediante l'impiego di prodotti detergenti aggressivi e non efficaci;
– infezioni della prostata (prostatite infiammatoria);
– cistite, consistente in una infiammazione della vescica con ristagno di urine che possono provocare piccole perdite maleodoranti;
– alimentazione sbilanciata con modificazione dei processi metabolici;
– abbigliamento non adeguato che impedisce la normale traspirazione fisiologica;
– fattori psico-somatici innescati da stress prolungato;
– eccessiva assunzione di bevande alcoliche;
– fumo di sigarette.

In casi particolari, l'insorgenza di cattivo odore nella zona genitale maschile può rappresentare l'indizio della presenza di Candida albicans, un microrganismo patogeno appartenente alla categoria dei miceti, che solitamente aggredisce il pene quando il soggetto si trova in condizioni di deficit immunitari.
In queste circostanze l'agente infestante colonizza lo smegma, moltiplicandosi velocemente e colonizzando l'organo maschile.
I sintomi tipici della candidiosi sono caratterizzati dalla produzione di secrezioni biancastre e granulose, dall'aspetto simile a quello di ricotta, da intenso prurito, da arrossamento del glande con insorgenza di piccole ulcerazioni e da cattivo odore.
Spesso tale sintomatologia si manifesta anche in altre parti del corpo, con l'insorgenza di lingua bianca ed infiammazione del cavo orale.
Quando sussiste il sospetto di questo disturbo è sempre necessario consultare il medico in quanto, trattandosi di una malattia estremamente contagiosa e trasmissibile per contatto, è molto frequente la sua trasmissione al partner.

 

Alimentazione ed abbigliamento scorretti sono cause di cattivo odore

Uno scorretto regime alimentare può causare l'insorgenza di cattivo odore intimo nell'uomo poiché i prodotti derivanti dai processi digestivi, entrando in circolo, sono in grado di alterare il metabolismo cutaneo.
Una dieta chetogenica può innescare il fenomeno dell'alitosi (alito cattivo) e quello del cattivo odore genitale.
In questo caso l'alimentazione prevede una drastica riduzione dei carboidrati con prevalenza di assunzione di alimenti proteici, soprattutto di origine animale.
In tal caso si creano condizioni predisponenti per l'alterazione del pH nelle zone intime ed in particolare a livello del glande.
Bisogna privilegiare un'alimentazione a base di frutta, verdura, legumi e cereali, con prevalenza di proteine di origine vegetali e ridurre drasticamente il consumo di bevande alcoliche e di caffè.

Anche l'abbigliamento gioca un ruolo di estrema rilevanza nella genesi del cattivo odore intimo maschile; indumenti sintetici che impediscono una regolare sudorazione possono contribuire a provocare l'insorgenza di tale disturbo.
Chiedendosi come non sudare nelle zone genitali spesso è sufficiente scegliere biancheria di fibre naturali (come il cotone), che consentono un'efficace traspirazione.

 

Rimedi contro i cattivi odori genitali maschili

 

I prodotti detergenti neutri, come il sapone di Marsiglia, uniti ad oli vegetali, soprattutto quello di mandorle dolci e di cocco, sono particolarmente efficaci per evitare l'insorgenza di questo disturbo.
Il bicarbonato di sodio sciolto in acqua tiepida ed utilizzato per la pulizia del glande è un ottimo rimedio disinfettante ed anti-odore.
Grazie alle sue proprietà antisettiche, anche l'aceto svolge una notevole attività preventiva contro gli odori sgradevoli.
Un'altra soluzione naturale di largo impiego è quella di applicare impacchi con amido di mais sui genitali, per ridurre l'umidità e la produzione di secreti maleodoranti.
La bromidrosi, spesso associata alla persistenza di cattivi odori nelle parti intime, può essere attenuata mediante l'utilizzo di deodoranti formulati specificamente per questo problema, che contribuiscono a ridurre la sudorazione agendo a livello delle ghiandole sudoripare.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close