La moda del tatuaggio nella cultura italiana

La moda del tatuaggio nella cultura italiana

Il tatuaggio, da tradizione di popoli antichi (qualcuno addirittura preistorico) è diventata, oggi, una moda che preso giovani e adulti di ogni connotazione demografica. La pratica del tatoo (dal tahitiano, “incidere sulla pelle”) è stata riportata in auge nel mondo occidentale verso la fine degli anni sessanta dalla cultura hippie e dei clan di motociclisti statunitensi, i quali sfoggiavano i loro disegni sul corpo con orgoglio, nonostante prima di loro venissero già usati da minoranze sociali ed etniche e spesso collegati alla malavita o a culti esoterici.
Dopo pochi anni, quella del tatuaggio, insieme a quella del piercing, è diventata una pratica adottata anche dalla cultura punk che fece immediatamente presa nel Regno Unito, socialmente e culturalmente legato agli USA in modo maggiore rispetto al resto d’Europa. Si può dire che l’Inghilterra, per il peso che ha nella cultura europea, e la globalizzazione cinematografica hanno portato il tatuaggio e il piercing nella cultura prima europea e poi italiana.

L’arrivo del tatuaggio in Italia

In Italia il tatuaggio ha iniziato a diffondersi maggiormente verso i primi anni 2000, nonostante la crescita sia stata continua, anche se lenta, fin dagli anni ottanta. Questo è stato un fenomeno sociale amplificato dalle star televisive estere, più che nazionali: impossibile, per chi ha vissuto quell’epoca, dimenticare i tatuaggi di David Beckham e di Angelina Jolie. La tradizione del tatuaggio nel mondo dello spettacolo è andata addirittura amplificandosi, basti vedere oggi calciatori del calibro di Neymar, ma anche dell’italianissimo Daniele De Rossi.

L’uso del tatuaggio in Italia

Nonostante un’economia in difficoltà, pochi italiani rinunciano a marchiare la propria pelle: l’Istituto superiore della sanità stima che siano 7 milioni gli italiani con un tatuaggio sulla pelle, circa il 13% della popolazione e che la richiesta è aumentata del 60% nell’ultimo periodo (tanto che l’Istat ha aggiunto la voce “tatuaggio” al suo paniere di beni e servizi), percentuale che risulta più chiara se si pensa che molte persone già tatuate ripetono la pratica più volte. la cosa importante è cercare di rivolgersi ai professionisti del mestiere che abbiano fatto un corso per tatuaggi.

I tipi di tatuaggi più gettonati in Italia

Nonostante inizialmente fossero perlopiù tatuaggi tribali o simboli insoliti, oggi la moda in Italia ha preso due diverse tendenze: le donne sono inclini solitamente a tatuarsi frasi di poesie o canzoni e citazioni, talvolta accompagnate da un simbolo che le rappresenta; gli uomini, invece, preferiscono simboli che rimandino al concetto di forza o di coraggio. Inoltre, se i tatuaggi femminili sono discreti, fatti soprattutto in zone del corpo poco visibili come caviglia e addome, i tatuaggi maschili sono spesso in bella vista (mani, collo, braccia e gambe).
Il tatuaggio, inoltre, rappresenta un’eccellenza italiana: la scuola italiana è riconosciuta come una delle più artistiche ed è, effettivamente, quella in media più seguita sui social.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close