Operazione risparmio: meglio spegnere il riscaldamento o accenderlo al minimo?

In tempi difficili come quelli che si sono affrontati a partire dal fatidico anno 2020, il tema del risparmio energetico è senz’altro uno dei più sentiti da ogni famiglia italiana.

Alcune spese in tempi di crisi possono essere facilmente evitate, ma ce ne sono alcune che non possono esserlo in alcun modo, una di queste è proprio la spesa per il riscaldamento che soprattutto nel centro-nord è assolutamente necessario per circa cinque mesi all’anno. Visto che si tratta di una spesa inevitabile è opportuno però chiedersi se è possibile avere in casa una buona temperatura senza dover chiedere un mutuo.

Scelta del sistema di riscaldamento

La prima considerazione da fare è che per ogni tipo di riscaldamento esistono regole diverse.

Se stai progettando di realizzare un nuovo impianto è bene affidarsi a professionisti come Idraulico Roma che, con molti anni di esperienza alle spalle, non solo realizzerà impianti a regola d’arte, ma saprà consigliare al meglio i clienti in base alle loro esigenze.

Un sistema di riscaldamento adatto alla tipologia di ambienti da riscaldare e di nuova concezione permette senz’altro di risparmiare molto e allo stesso tempo avere assicurato il benessere che ogni famiglia ed ogni azienda desiderano.

E se al momento non è possibile cambiare il sistema di riscaldamento? Idraulico Roma può aiutarti ad eliminare malfunzionamenti e a comprendere come sfruttare al meglio il tuo impianto. 

Quando accendere il riscaldamento e per quanto tempo

Tornando al tema che stiamo trattando, avrai sentito alcune persone dire che è meglio lasciare sempre accesa la caldaia ed altri dire che è meglio accenderla solo quando è necessario. Certamente la prova del nove spetta a te, puoi provare entrambi i sistemi, prestare attenzione ai consumi e comprendere cosa è meglio nel tuo specifico caso.  

Andiamo ad analizzare insieme qual è il risultato di entrambe le opzioni che stiamo considerando: tenere accesa sempre la caldaia al minimo o tenerla accesa solo quando è necessario.

Riscaldamento acceso solo quando necessario:

  • Dopo aver spento il riscaldamento l’ambiente si raffredderà velocemente
  • Quando si accenderà nuovamente la caldaia, il consumo energetico richiesto aumenterà in modo decisivo
  • Il riscaldamento spento non richiede alcun consumo energetico
  • Il riscaldamento spento non creerà un ambiente eccessivamente secco

Riscaldamento lasciato acceso al minimo:

  • Lasciando accesa la caldaia al minimo l’ambiente non si raffredderà mai
  • Si potrà godere di una temperatura omogenea in ogni ambiente della casa o dell’azienda
  • Il radiatore non sarà mai eccessivamente caldo perché richiederà
  • Il riscaldamento acceso richiede un consumo energetico continuo
  • Ci possono essere picchi di consumo in periodi particolarmente freddi

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close