Viaggio in auto con i bambini, tutto quello che non bisogna dimenticare

Un viaggio in auto con i bambini è da pianificare nei minimi dettagli, proprio perché ci sono tantissime cose da prevedere e non dimenticare. In viaggio i piccoli si annoiano e potrebbero anche soffrire in caso di curve o brutto tempo.

Scopriamo insieme come rendere piacevole questa esperienza per i bambini e cosa non dimenticare di potarsi dietro da casa.

Le cose da avere per un viaggio in auto con i bambini

Quando si parte in viaggio e si hanno dei bambini piccoli, spesso e volentieri sembra di dover affrontare un trasloco. La partenza deve essere programmata nei minimi dettagli, al fine di rendere questa esperienza piacevole ai più piccoli e il meno stressante possibile agli adulti.

Tra le cose da non dimenticare per un viaggio con i bimbi in auto evidenziamo:

  • Giocattoli di ogni tipo, soprattutto i suoi preferiti, così che possa sentirsi a casa e in compagnia (circondato dalle sue cose);
  • Libri da leggere, mordere e per inventarsi storie durante un viaggio lungo e noioso;
  • Cd con le sue canzoni preferite che siano da bambini oppure da adulti, cantando e interagendo in maniera divertente;
  • Un tablet, ove possibile, con film e video divertenti per i bambini.

A tutto questo si aggiungono gli snack e le bevande, per quella sete e fame improvvisa che i bambini hanno sempre al momento meno opportuno (o quando non ci sono luoghi per potersi fermare). Da non dimenticare un cambio di vestiti in caso di mal d’auto e pannolini, insieme a carta casa e salviettine multiuso.

Per non avere dubbi, pensare anche ad una copertina (leggera o pesante a seconda della stagione) e tanta pazienza.

Seggiolino auto

Questo è uno strumento obbligatorio per quando si viaggia in auto con i bambini. Che sia di proprietà o a noleggio (in caso di auto in affitto in vacanza), non deve mai mancare come da legge italiana vigente.

Ci sono varie tipologie di seggiolino auto e tutte studiate per mettere in sicurezza i bambini durante i viaggi di breve, media e lunga percorrenza. Come si può approfondire in questo articolo è necessario pensare a quale sia meglio per il proprio bambino: non è solo per non incorrere in multe pensanti ma anche per salvaguardare la sua vita in caso di incidente.

Cosa fare  se il bambino odia l’ovetto e il seggiolino?

Se il bambino odia il seggiolino e il neonato l’ovetto, il viaggio potrebbe diventare più lungo del previsto. Tra le cose da non fare è prendere loro in braccio mentre si viaggia, meglio fermarsi presso un’area attrezzata e calmarlo (cercando di capire se ha la nausea, fame o sete).

Il metodo migliore è intrattenerlo con tutti i giochi e i video che sono stati portati, come elencato sopra, così da fargli digerire il viaggio in auto e la costrizione nello stare all’interno del seggiolino.

Che siano piccoli o grandi, i bambini hanno una personalità propria e ben definita. Per questo motivo il viaggio in famiglia deve essere pianificato nei minimi dettagli, al fine di rendere tutta l’esperienza piacevole e divertente.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close